VUOI EVITARE DI RIMANERE AL VERDE? 10 SPESE EXTRA PER LE TUE NOZZE A CUI POTRESTI NON AVER PENSATO

Una sera, qualche mese prima del mio matrimonio, stavo facendo per l’ennesima volta il punto della situazione con carta e penna alla mano, riformulavo e rivedevo le spese improrogabili ed insostituibili che si erano sovrapposte a quelle che banalmente avevo già considerato. 

Devi sapere che fare una pianificazione di tutte le entrate e le uscite, quasi maniacale, per ogni spesa relativa al giorno più importante della tua vita, è un modo per non incorrere in ansie e stress dovute ai possibili inconvenienti, anche se questi talvolta sono imprevedibili. Io, tuttavia, ebbi qualche difficoltà. 
Continua a leggere. ????

In un momento mi resi conto che stavo per andare fuori budget senza saperlo! Pur non avendo stabilito un tetto di spesa massimo, io ed il mio futuro marito sapevamo orientativamente quali costi attribuire a cosa. O meglio, pensavamo di saperlo! Purtroppo in men che non si dica, la situazione ci sfuggì di mano: anticipo qui, saldo lì, spostamenti, documentazione, tutto ciò che avevamo messo da parte, si stava polverizzando.
Nessuno ci aveva detto che alcune spese erano da considerare tra i costi vivi dell’evento nozze, ed abituata a pensare alle spese più importanti, avevo sottovalutato tanti aspetti.

Premetto che ho sempre avuto una certa affinità con i numeri, quindi avevo preparato preventivamente un piano spese orientativo, con i costi da sostenere, quelli stimati e quelli certi. 

Nel tempo, come tutte le sognatrici seriali, avevo anche collezionato i vari diari della sposa, scaricato proiezioni di budget e devo ammettere che su ognuno di essi avevo sottolineato la voce “varie” perché non si sa mai! Il problema, ahimè, nacque nel momento in cui quel “varie” a cui avevo attribuito un valore X era diventato così considerevole che avrei dovuto creare un file a parte, ma soprattutto un salvadanaio a parte pur di coprirne il valore.

Stai iniziando a tremare? 

Voglio essere sincera perché so come potresti sentirti da un momento all’altro: gambe che tremano con la paura di non farcela. Comincia a preoccuparti se hai un budget ristretto e come me hai considerato solo gli aspetti principali delle nozze, quelle che amo definire le macroaree (costi di: location, banqueting, fiori, fotografo e videomaker, intrattenimento, abiti, tipografia, trucco e parrucco).
Se invece non hai problemi di soldi, tuttavia hai la sensazione che ti stai dimenticando qualcosa, dovrai continuare a leggere perché anche per te ho una piccola lista di uscite accessorie da considerare.

Carta e penna in quanto l’elenco è piuttosto copioso ed in certi casi, anche antipatico. 

1) Hai scelto il professionista o i professionisti che quel giorno cureranno il tuo look, avete stabilito il prezzo. Ti sei ricordata di parlare con loro delle prove? Molti truccatori (make-up Artist) e acconciatori (Hair stylist) le mettono a pagamento per poi stornarle al momento dell’avvenuto incarico; potrebbero risultare un costo in più qualora tu decidessi di non affidarti a loro.

2) Arrivare alle proprie nozze con la pelle spenta o sotto tono per lo stress accumulato durante i preparativi è facilissimo. Io consiglio qualche trattamento di bellezza cui sottoporsi già qualche mese prima delle nozze e si sa, i trattamenti di bellezza non sono tra i più economici. Tuttavia sono in grado di farti rinascere. Li segni in agenda? Io te li consiglio.

3) Gli accessori e l’intimo spesso non sono considerati spese extra perché scelti con l’abito nuziale. Alcune future spose invece pensano che per la lingerie c’è sempre tempo, salvo poi ricordarsi di acquistarla all’ultimo.
L’intimo richiede una cura particolare e quello che si adatta all’abito (reggiseno a fascia, intimo che non segni) o semplicemente della lingerie sexy, ma di classe, ha dei prezzi che insomma, non può né debbono essere sottovalutati. Io al posto tuo in agenda li annoterei tra le spese in più. 

4) Le partecipazioni. Beh, tradizione vuole che vadano spedite e se abbiamo già saldato la tipografia per la nostra bella suite grafica, chi si occuperà delle tariffe postali per mandare gli inviti allo zio d’america? Non sono costi inaccessibili, ma alla fine pesano come il resto!

5) L’intrattenimento è ok, ma sapevi che la Siae ossia la tassa per poter permettere ai musicisti di riprodurre brani e musiche, è a carico degli sposi? Concorda con i professionisti che hai ingaggiato chi e come pagare, spesso sono loro che si occupano di procedere al pagamento, talvolta se ne occupa la location, ma non sottovalutare questo aspetto, le multe sono dietro l’angolo. In agenda scrivi: + tot per diritti d’autore.

6) I tuoi fornitori si stanno trattenendo più del dovuto, lo hanno scritto nero su bianco sul contratto, ogni ora di lavoro in più ha un costo… cerca di pianificare ogni virgola per non andare oltre gli orari stabiliti: l’extra in questi casi potrebbe costarti più dell’ingaggio. 

7) I tuoi fornitori ti hanno parlato dei costi del loro servizio, ma se sposi fuori città e loro devono seguirti, non penserai che la trasferta sia compresa? Ed hai pensato all’ospitalità per essi? Io credo sia una forma di cortesia che ti riserverà sconti e regali inaspettati e graditi. Ma ricordati di scriverlo sul budget plan.

8) In alcune regioni d’Italia le tradizioni vedono i futuri sposi presenziare a piccoli eventi pre-wedding, e si sa, ogni evento vuole il suo outfit. Sfrutti i capi che hai nell’armadio o come me sei dell’idea che ci si sposi una volta sola? Per me è buona la seconda, per le spese extra credo di no!

9) E se avessi dimenticato qualche ospite? Non disperare, fino a qualche giorno prima puoi rimediare, ma chiaramente non verranno ospitati gratis. Scrivi alla voce imprevisti dell’ultimo minuto, per la zia Matilda, spesa : + tot €

10)L’animazione/intrattenimento per i più piccoli c’è. I loro “regalini” pure. E per tuo figlio? Non penserai lo terrà la nonna tutto il tempo, poverina, vorrà emozionarsi pure lei davanti al tuo sì… eh sì, una babysitter che stia con il piccolo tutto il giorno vorrà il suo compenso. Ti consiglio di assumerla da qualche mese prima, così il cucciolo di casa potrà abituarsi alla sua presenza e non la vedrà come un’estranea e voi potrete stare più sereni. E ovviamente pure lui/lei/loro.

Infine ci sono le vere “varie spese”, quelle che non sono particolarmente esose, ma per cui un bel 5% di budget va dedicato: la partecipazione in più, un posto in più a tavola, il chilo di confetti in più che non si sa mai. 

E se non dovessi incontrare imprevisti e risparmiare sulla lunga lista che ti ho fatto? Meglio, durante il viaggio di nozze più soldini ci sono e meglio è!

Se continui ad avere noie con budget, ottimizzazione dei soldi e scelta dei fornitori. Se devi essere presente come mamma, essere la compagna di sempre, prenderti cura di te come donna, ma devi anche trovare il tempo di organizzare al meglio il giorno delle tue nozze, non pensarci due volte, SCRIVIMI. 
La prima consulenza è gratuita, ricordi? 

[email protected]

Ti aspetto